San Benedetto da San Fratello detto il Moro: La Vita


San Benedetto da San Fratello - Uomo senza frontiere venerato in tutto il mondo"Comitato

Sito web a cura del "Comitato festeggiamenti San Benedetto il Moro" San Fratello (ME).

FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SAN BENEDETTO IL MORO - SETTEMBRE 2018
COMUNICATO:

In prossimità dei festeggiamenti in onore del nostro protettore San Benedetto il Moro a settembre, stiamo avviando i preparativi e prossimamente verranno messi in vendita i biglietti per il sorteggio.
Pertanto chiunque voglia offrire un premio, può comunicarlo tramite messaggio privato a questa pagina o direttamente in parrocchia. Si raccomanda la tempestività nel fare sapere il dono che verrà offerto, in maniera tale da inserire tutti i premi nei biglietti che andranno in stampa.
Ringraziamo tutti coloro che daranno il proprio contributo.
Il Comitato

venerdì 5 dicembre 2014

Cabimas si prepara a festeggiare San Benedetto da San Fratello

Il culto di San Benedetto raggiunge il suo apice nel periodo natalizio. Dal 27 Dicembre al 6 Gennaio in Venezuela è Festa!
Il culto di San Benedetto da San Fratello è molto diffuso nelle regioni del Venezuela, ma è nello stato di Zulia che i festeggiamenti si svolgono con maggior fervore.
E’ probabilmente a sud del lago di Maracaibo, che la festa raggiunge il suo apice, con una massiccia partecipazione della popolazione e l'attenta preparazione del rito festivo.
I giorni principali della festa sono il 27 e 28 dicembre e di nuovo il 6 gennaio. Ogni anno i devoti celebrano la giornata, al suono di tamburi e facendo il “bagno” in rum e bevande alcooliche, giustificando cosi il motivo di tanta baldoria e balli in processione. 
Il suo culto si diffuse in Sud America, a seguito delle grandi migrazioni di schiavi neri provenienti dall’Africa nel 1500, importati dagli Europei, come merce e forza lavoro indispensabile per la coltivazione dei campi.
Caratteristica principale dei festeggiamenti, sono i gruppi di “chimbangueles”, musicisti popolari che intonano ballate tipiche afro-americane. Rappresentano antiche culture africane di provenienza diversa e sconosciuta. Un espressione tradizionale mista a musica, ritmo e danza frenetica, un autentica manifestazione che irradia forza e potenza nei confronti del “Black Saint”, cosi viene anche chiamato San Benedetto. Parte del ritornello dei canti popolari intonati dai chimbangueles dice: AJE AJE San Benito.
Tutte le comunità si riuniscono per danzare, con musiche dal significato profondo, esaltando il culto, e rimanendo attualmente il miglior strumento di coesione e resistenza,  contro i drastici cambiamenti imposti dalla globalizzazione. 
E’ Cabimas, in Venezuela, il maggior centro in cui si festeggia Benedetto il Moro. Posta nella costa est del Lago di Maracaibo, è il capoluogo del comune omonimo. È la seconda maggiore città dello stato e si piazza tra le venti maggiori città del Venezuela. 
Segni di devozione
Qui San Benedetto è festeggiato due volte: il 27 dicembre e il 6 gennaio. Le processioni sono accompagnate da gente che balla, riversandosi in strada, cantando, festeggiando e gettando addosso al Santo Bevande alcooliche e rum.  La processione coinvolge ogni anno 350.000 persone, provenienti da tutto il Venezuela. 

Nessun commento:

Posta un commento