San Benedetto da San Fratello detto il Moro: La Vita


San Benedetto da San Fratello - Uomo senza frontiere venerato in tutto il mondo"Comitato

Sito web a cura del "Comitato festeggiamenti San Benedetto il Moro" San Fratello (ME).

FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SAN BENEDETTO IL MORO - SETTEMBRE 2018
COMUNICATO:

In prossimità dei festeggiamenti in onore del nostro protettore San Benedetto il Moro a settembre, stiamo avviando i preparativi e prossimamente verranno messi in vendita i biglietti per il sorteggio.
Pertanto chiunque voglia offrire un premio, può comunicarlo tramite messaggio privato a questa pagina o direttamente in parrocchia. Si raccomanda la tempestività nel fare sapere il dono che verrà offerto, in maniera tale da inserire tutti i premi nei biglietti che andranno in stampa.
Ringraziamo tutti coloro che daranno il proprio contributo.
Il Comitato

giovedì 10 ottobre 2013

I luoghi dove si venera San Benedetto da San Fratello

Dalla Spagna al Portogallo, dal Brasile al Venezuela. Ripercorriamo i luoghi che sono devoti al nostro Santo.
Un luogo della Galizia consacrato a San Benedetto il Moro è il centro rurale di Parada de Outeiro, nel territorio di Ginzo de Limia sulla via che dal Portogallo conduce a Santiago di Compostela passando per Ourense. La statua appartiene alla chiesa di Santa Maria, annessa a un antico cimitero. Il sabato, la domenica e il lunedì di Pasqua molta gente si reca a Parada per visitare il santo nero di Santa Maria, quasi prigioniero nella nicchia dorata di un altare.

La forza e l’antichità della devozione sono testimoniate dal libretto con i dati biografici e la novena a San Benito de Palermo, pubblicato a Ourense nel 1959 dal parroco Ignacio Gil con molti commenti coloriti: “…Basta venire a Parada a fine settembre o subito dopo Pasqua. Un formicaio di gente invade i paesi intorno nel raggio di vari chilometri… Quasi mi azzarderei a dire che dopo l’Italia è la Spagna la nazione che più lo venera… Lo fecero conoscere come patrono degli schiavi africani. E se uno va a Murcia, scopre che a Caravaca San Benito è titolare di uno degli altari della chiesa principale… Qui invece i contadini lo chiamano ‘El Santiño de Parada’…” 

Il giorno della sua prima visita a Parada il nuovo parroco rimase contrariato perché la chiesa non era magnifica come gliel’avevano descritta. “…La mia indignazione giunse al colmo quando mi mostrarono un retablo di cera a sinistra dell’altare maggiore con gli ex-voto dei graziati da San Benito. Quella mostra di braccia, mani, gambe… dimostrava poco spirito liturgico e ancor minore rispetto per il Sacramento, poiché mi dissero che davanti a quella esposizione di ex-voto i pellegrini si fermavano, forse più che davanti al Santissimo o davanti allo stesso ‘santo in gabbia’ , come lo chiamavano alcuni alludendo ironicamente alla povera nicchia in cui lo si venerava...” Don Ignacio Gil promosse il rifacimento della chiesa parrocchiale di Parada, inaugurata e benedetta nel settembre del 1952 dall’arcivescovo di Santiago de Compostela, Fernando Quiroga Palacios.  
Ma la romería, il pellegrinaggio più animato e spettacolare di Galizia tra quelli dedicati a San Benito, si celebra ogni anno il 3 maggio nella chiesa a croce greca di San Xulián de Carballo a sei chilometri da Friol, un piccolo centro della provincia e della diocesi di Lugo. Vi prendono parte migliaia di persone che recano offerte in denaro e in natura (uova, formaggi, parti del maiale, polli vivi, un tempo anche prosciutti). Mentre il parroco di Friol e altri sacerdoti celebrano una delle tre messe della giornata sull’altare maggiore, nel braccio di sinistra della chiesa alcuni laici ricevono i pellegrini che si mettono in coda ed entrano dal portico laterale per sfilare davanti a un allampanato San Benito, ai piedi dell’altare e pronto per essere condotto in processione con le altre statue.

A coordinare l’accoglienza è il postino di Friol, José Ramón B.B., che con altri “officianti”, durante la funzione dei sacerdoti, compie una sorta di blando esorcismo offrendo da baciare e girando sul capo dei fedeli, dopo l’offerta in natura o in denaro, una delle due statuette del santo munite di manico e adibite a questo rito sommario. Una terza statuetta, custodita in una nicchia del pilastro di una fontana nei pressi della chiesa, è stata rubata qualche tempo fa. Sotto il portico, una lapide databile alla fine del Settecento menziona il nome del parroco fondatore della parrocchia, e ricorda che era “bachiller”. Alla fine dell’ultima messa il postino di Friol, come faceva suo padre, si arrampica sulla torretta per suonare le campane a distesa, mentre le statue compiono il giro completo della chiesa e del cimitero, con San Benito che sfila per ultimo. È una statua “de vestir” che consiste in due assi di legno incrociate e coperte da un saio di tela, con l’aggiunta della testa e delle mani, di cui una, la sinistra, stringe un cuore. Nell’immaginetta che riproduce la statua, la mano con il cuore è nascosta dalla manica del saio. 

Il quarto centro della Galizia con tracce evidenti di culto per San Benedetto il Moro è Ponte Areas. Nella chiesa di San Pedro attigua al cimitero di Angoares, dove un tempo sorgeva il convento dei francescani oggi riedificato su una collina che domina l’abitato, si conserva un San Benito molto venerato. Quando nel 1835 il governo di Mendizábal soppresse gli ordini religiosi, l’antico convento fu chiuso e la statua del santo trasferita a San Pedro de Angoares. Anche qui l’associazione con i defunti sottolinea il legame stabilito in Galizia tra San Benedetto e le Anime purganti. Questo legame è una forma di patronato che riprende la tradizione cronachistica: tra i prodigi palermitani di San Benedetto non mancano i casi di richiamo in vita di persone stroncate da un male incurabile o vittime di incidenti. La commedia di Rosambuco, dedicata da Lope de Vega al santo nero della città di Palermo, si chiude con il sacrificio di fra’ Benito, che in punto di morte cede le ultime forze al padrone Lesbio, perito nell’incendio della sua casa, e ne rianima il corpo. 

L’intercessione per le Anime purganti, tradizionalmente affidata a Sant’Antonio, è una forma traslata di riscatto dall’espiazione del fuoco e un auspicio di vita eterna. Il culto delle anime è tipico della Galizia: una delle più note chiese di Santiago de Compostela è intitolata alle Anime del Purgatorio.
Quando nel 1807 fu emesso il decreto papale di canonizzazione, una delle più forti istanze sociali che avevano influito sui ritmi dei processi canonici era venuta meno a causa dell’abolizione della schiavitù. In terra di Spagna, nel 1835, un altro ostacolo alla devozione per il primo santo nero del cielo, le cui immagini sacre erano ancora senza altari, annidate nei conventi o affidate alle confraternite del Rosario, venne dalla desamortización di Mendizábal, con la chiusura delle comunità monastiche e l’alienazione o la dispersione dei beni degli ordini religiosi. Il culto popolare, per la sua peculiare natura policentrica e autonoma, sopravvisse alla crisi della devozione liturgica. Il fertile isolamento geografico e culturale della Galizia, terra di transizione di usi e costumi, cardine culturale e linguistico tra Spagna e Portogallo, ha contribuito a salvarla.

Bibliografia: Il santo moro. I processi di canonizzazione di Benedetto da Palermo; Da San Fratello a Bahia: la rotta di San Benedetto il Moro, Ordinaria inquisitio Memoriale Rubbiano San Benedetto il Moro. Santità, agiografia e primi processi di canonizzazione,Schiavi, corsari, rinnegati. La schiavitù nel Mediterraneo di età Moderna, Il santo patrono e la città. San Benedetto il Moro: culti, devozioni, strategie di età moderna Commedia famosa del santo nero Rosambuco della città di Palermo. San Benedetto da Palermo, il moro etiope nato a San Fratello.

Nessun commento:

Posta un commento